Skip to content

Sulla parità di genere

12 marzo 2014

Riportiamo il documento approvato all’unanimità dal coordinamento del Circolo PD di Trezzano sul Naviglio in merito alla non approvazione alla Camera dell’emendamento sulla parità di genere nella legge elettorale. Il documento è stato inviato al segretario provinciale del Partito Democratico, Pietro Bussolati.

Stupisce ed indigna che alla Camera sia stato respinto l’emendamento che chiedeva la parità uomo donna nella selezione dei candidati alle elezione. Ancora di più indigna che alla Camera il Partito Democratico pur avendo la maggioranza dei seggi, non sia stato in grado di far approvare l’emendamento a causa di una spaccatura al suo interno, provocata da una parte dei suoi deputati che hanno votato contro una norma di alto valore politico e civile. Questi deputati, “nuovi 101”, hanno contraddetto non solo lo spirito dello Statuto del nostro Partito, che ha nella parità di genere un elemento politicamente forte, ma anche la pratica che impone nella scelta della composizione degli organi dirigenti del PD il 50% uomo e 50% donna. Che i partiti di centro destra siano portatori di visioni oscurantiste nel rapporto di genere è grave ma coerente nel loro modo di concepire la società, che siano appoggiati da rappresentanti democratici è inammissibile, non ci sono ragioni politiche per giustificarli. È inconcepibile che il corpo elettorale italiano attivo, composto da oltre il 50% di donne, non si possa riconoscere in un 50% di elettorato passivo femminile presente nelle liste dei partiti che partecipano alle elezioni. Siamo solidali con le parlamentari che hanno sostenuto questa battaglia di libertà, e a tutte le donne, colleghe di lavoro e di studio, compagne della vita, mamme e nonne, figlie, considerate evidentemente ancora “minus habens” dalla politica. Per quanto ancora? Chiediamo al nostro partito e al suo Segretario e Presidente del Consiglio Matteo Renzi di mettere in campo con forza e urgenza tutte le iniziative per una battaglia culturale e politica con l’obiettivo di superare visioni arretrate e anguste sulla rappresentanza politica di genere dando alle donne il giusto riconoscimento per l’impegno che hanno sempre dato nella crescita della società italiana.
Il coordinamento del Partito Democratico di Trezzano sul Naviglio

CameraDeputati

Annunci
One Comment leave one →
  1. franco26 permalink
    12 marzo 2014 10:33

    Credo che il PD non sia dando una buona immagine di sé.
    La mancanza di coesione e manovre di palazzo non giovano a creare, anzi a ricreare un rapporto di fiducia verso tanti elettori che non ci hanno votato alle ultime elezioni politiche.
    Non so se “la gente” capisce esattamente queste tensioni: sono convinto ci sia un forte interesse per atti concreti
    Ritengo, in ogni caso, che la pratica e l’esempio siano la migliore risposta. Noi possiamo comunque organizzare le liste elettorali nel modo giusto, possiamo essere già paritari quando nominiamo gli organismi direttivi, dalla Direzione del Partito al Circolo territoriale.
    La parità facciamola già, nessuno ce lo impedisce: mi auguro per questo che i nostri candidati alle prossime elezioni comunali esprimano anche visivamente questo sentimento, così come, se vinceremo, la Giunta guidata da Bottero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: