Skip to content

Sindaco Tomasino, “salga a bordo cazzo!”

18 gennaio 2012

Ci affrettiamo anche noi a usare la battuta del momento, nella speranza di svegliare dal torpore il sindaco di Trezzano, e la sua sbrindellata giunta, ben sapendo che non sarà sufficiente uno slogan, nè il bacio del principe, nè un’overdose di caffeina.

Purtroppo è un fatto che non c’è più stato un Consiglio Comunale dal 21 dicembre 2011, ne’ ce n’è uno in programma, che si sappia.

E’ un fatto che alcuni consiglieri di maggioranza abbiano formato un gruppo indipendente, non garantendo il proprio voto in consiglio (se mai ce ne sarà uno!), è un fatto che non ci siano proposte sulla viabilità (a parte un incontro inconcludente con l’assessore provinciale Altitonante che ha promesso ciò che non potrà essere mantenuto, e cioè una tangenzialina dal tracciato controverso, costosa e senza alcuna copertura finanziaria al momento); e sono fatti che non si sia ancora sciolto il nodo del bilancio, che  il nostro comune non sia ancora rientrato nel patto di stabilità, che l’ultimo assessore al Bilancio fuoriuscito dalla giunta (Catania – Trezzano Oltre) non sia ancora stato sostituito, che il tentativo di vendere l’ultima area verde di Trezzano (Via Goldoni) per far cassa si sia risolto in un buco nell’acqua, che di PGT, e di Piano delle Opere pubbliche, con una giunta così fragile, non si stia parlando ecc. ecc.

Tra le realizzazioni, perchè non ci si accusi di cecità, il “mercatino siciliano”, con merce dai prezzi inavvicinabili, la pista di pattinaggio in Piazza San Lorenzo, con scarso coinvolgimento delle associazioni del territorio (le casette a disposizione sono sempre chiuse), la sostituzione del funzionario dell’ufficio Cultura mentre era in ferie (chissà se mentre “andiamo in stampa” le hanno trovato una sistemazione congrua?), la spedizione a Buje e a Eching del presidente della commissione gemellaggio Di Stasio, dell’Assessore Sciumbata, dei funzinari e del comandante dei vigili (L’Eco, 10/1/12) per riannodare i rapporti che si erano un po’ allentati con queste ridenti cittadine. Altro non ci viene in mente…

(In realtà c’è un’unica realizzazione degna di nota, ma più ascrivibile alla volontà dell’Assessore alla scuola Barletta che altro, e cioè la preparazione, per quanto in ritardo, del Piano del Diritto allo Studio, che è stato approvato all’unanimità dal consiglio comunale del 15/12/11).

Per il resto in nostro comandante non sembra essere alla guida di un… naviglio che viaggia veloce, più che altro sembra il nocchiero fantasma di un barcone carico di smog, traffico, aree impestate di amianto, fabbriche ad alto rischio e politiche sociali inesistenti. In questo momento probabilmente sta studiando i suoi amati classici, riflettendo sull’ingratitudine umana e sull’incomprensibile mancanza di pacato moderatismo del Partito Democratico. Laddove per moderatismo leggasi ignavia.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: