Skip to content

Questo governo è la medicina giusta? 1

13 dicembre 2011

Bersani: “Patrimoniale, evasori, Ici: dal Governo vogliamo segnali”

«Noi non chiediamo al governo di fare al cento per cento quel che faremmo noi. Saremo responsabili: il nostro sostegno non è in discussione. Questa manovra è un messaggio all’Europa, è il segno di un Paese che si mette all’opera dopo anni di paralisi. Però cercheremo di convincere il governo ad accettare alcune correzioni. Sul fronte delle entrate, e su quello delle spese».
Intervista a Pier Luigi Bersani di Aldo Cazzullo – Corriere della Sera – 12/12/2011

Segretario Bersani, domani, oggi per chi ci legge, metà del suo partito manifesta con la Cgil contro la manovra che sostenete in Parlamento. Questo non le crea qualche disagio?


«No. Noi siamo un grande partito, un partito che discute. Leggere la nostra discussione come una battuta di questo o di quello sarebbe riduttivo. Noi siamo a nostro agio, innanzitutto perché questa mobilitazione ricompone l’unità del sindacato; il che è un bene per la Repubblica».

Ma divide il Pd.

«La piattaforma dello sciopero non parla di bocciatura della manovra. Parla di modifiche. Diverse vanno nel senso in cui andiamo anche noi. Non vedo difficoltà se la nostra gente partecipa ai presìdi dei sindacati e noi si sta nel nostro, tentando di migliorare la manovra in Parlamento».

Monti ha avvertito che lo spazio per le modifiche è stretto.

«Noi non chiediamo al governo di fare al cento per cento quel che faremmo noi. Saremo responsabili: il nostro sostegno non è in discussione. Questa manovra è un messaggio all’Europa, è il segno di un Paese che si mette all’opera dopo anni di paralisi. Però cercheremo di convincere il governo ad accettare alcune correzioni. Sul fronte delle entrate, e su quello delle spese».

Quali correzioni?

«Su un’imposizione sui patrimoni c’è qualche segnale, non c’è una decisione organica: noi però teniamo fermo il punto, se non è questa l’occasione ne deve venire un’altra. Lo sforzo per far pagare gli evasori si vede, ma solo in parte: la tracciabilità a mille euro non è sufficiente; e non basta il 4% sui capitali scudati. Visto che il principio avanzato mesi fa dal Pd di chiedergli un contributo è finalmente passato. Ci aspettiamo poi un segnale nuovo sulle frequenze tv».

Non crede che il governo sia costretto a tenere conto del veto di Berlusconi?

«Il governo non deve accettare veti, neppure da Berlusconi, sulle frequenze tv come sulla Rai. Su questo punto non si può arretrare. Non è tempo di concorsi di bellezza. Il governo dica la sua, proponga una soluzione equa».

Non vi va bene neppure la riforma delle pensioni?

«Io non critico la riforma sul piano concettuale, anzi penso che introduca meccanismi di unificazione significativi. Bisogna però introdurre anche elementi di gradualità. Su alcuni punti il salto è troppo alto. Non si possono penalizzare i lavoratori precoci. La soglia sopra cui si sospende l’indicizzazione va portata a 1400-1500 euro. Chiediamo anche una fascia più ampia di esenzione dall’Ici, anche in rapporto al carico familiare».

Sull’Ici va chiesto qualcosa in più alla Chiesa?

«Sì. Il governo deve fare chiarezza su una norma, quella che distingue gli immobili adibiti al culto da quelli a fini commerciali, applicata sinora in modo confuso. Poi servono misure per la crescita. Ad esempio, deroghe al patto di stabilità per consentire investimenti rapidi ai Comuni».

Il vertice europeo è andato però nella direzione del rigore assoluto, e di controlli più severi sui bilanci.

«In Europa le destre e i populismi hanno rinsecchito una prospettiva solidale. Anche quando fai un passo avanti, e lo si è fatto, si cade nei barocchismi “nei si fa ma non si dice”; come nel caso pur positivo di una maggiore facoltà di azione della Bce. Quanto alle necessarie decisioni sulla stabilità, non si può inseguire la recessione, non si può continuare a fare manovre su manovre: la recessione dev’essere messa a sconto negli equilibri di bilancio. L’Europa ha gli strumenti per farcela. Tra sei mesi si vota in Francia – e Hollande verrà alla nostra assemblea, venerdì prossimo -, nel 2013 si vota in Germania e in Italia. Serve una grande piattaforma progressista europea».

In Italia però l’unità della sinistra appare compromessa. Il Pd va verso un’alleanza con Casini?

«Leggo un’ampia letteratura sulla “foto di Vasto”. Ma a quella foto manca il sonoro. Io ripetei allora quel che ho sempre detto: alla fase dell’emergenza segue la ricostruzione; per la ricostruzione serve un’alleanza tra progressisti e moderati. Il Pd si è preso le sue responsabilità. Altri se ne prenderanno di meno: pazienza. Ma un conto è la critica, un conto sono la deformazione e la denigrazione. Vendola mi pare attento a evitale. Di Pietro, quando parla di inciucio, no. È chiaro che argomenti come questo, se ribaditi, portano a rotture difficilmente componibili. Perché la pietra di paragone è l’Italia; non un punto percentuale in – più o in meno».

Pisanu vede Monti candidato a Palazzo Chigi anche nel 2013.

«Io invece non credo che il bipolarismo sia finito. E non credo che Monti voglia essere il demiurgo anche della fase2, della ricostruzione. Per quella occorre un grande confronto elettorale tra le forze politiche».

È sicuro che la vostra gente vi verrà dietro? Questo è davvero un governo di destra, come si sente ripetere?

«Questo non è un governo di destra. E’ un governo di impegno nazionale, come lo chiama Monti. Se fossimo andati a votare, avremmo vinto noi; ma non ho rimpianti. Abbiamo fatto un investimento sul futuro. E i miei l’hanno capito. La gente è più matura di quel che si crede».

La gente è anche molto arrabbiata con voi politici, che non vi siete tagliati lo stipendio.

«Guardi, ho ricevuto diversi messaggi di parlamentari che sono stati insultati per strada da passanti che avevano letto i titoli dei giornali. Ora, io dico basta. Due volte basta: ai privilegi, ma anche ai linciaggi. Di questo passo non so dove arriveremo».

Non è stato un errore non dare subito un segnale forte sui costi della politica?

«L’errore è stato rendere credibile che si stesse lavorando a dei rinvii. I vitalizi non sono stati tagliati dal governo, ma dai presidenti delle Camere. Lo stesso si farà sugli stipendi, che saranno equiparati alla media europea. Ricordo che “la Maastricht dei costi della politica” è una proposta del Pd. Vigileremo perché sia tradotta in pratica, anche in periferia. Ma non cadiamo nel populismo. Quando avremo fatto questo, verrà il momento di smascherare coloro che nascondono, dietro i privilegi della politica, i privilegi propri».

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: