Skip to content

ECCO IL VERO POTERE DIETRO AI MARCHIONNE DEL MONDO

30 gennaio 2011

DA “LA NOTA DEL MATTINO DEL PD” del 28 gennaio

GRANDI BANCHIERI IN RIVOLTA: A DAVOS SFIDANO I CAPI DI STATO E PREPARANO
L’ASSALTO ALLE REGOLE.
A Davos, in Svizzera, dove ogni anno si riuniscono i grandi personaggi del mondo, si discute sui
prezzi dei prodotti alimentari in fortissima crescita e sulla strategicità delle produzioni agricole.
Ma l’appuntamento è anche un’occasione per trovare l’accordo tra industriali, banchieri e
capitani della finanza sul che fare nel futuro prossimo.
Questa volta il che fare è emerso grazie a due fatti, uno pubblico e l’altro segreto: in pubblico
vi è stato uno scontro verbale tra il presidente francese Sarkozy, che è anche presidente di
turno del G20, ed i grandi banchieri riuniti a Davos sul tema delle regole; in segreto i grandi
banchieri si sono riuniti per decidere come dare battaglia sulle regole e come sfruttare la
situazione economica nei prossimi mesi. Il Corriere della Sera: “Si sono chiusi dentro in pochi,
ma le loro attività valgono oltre cinque volte la taglia dell`economia italiana. Bank of America,
Barclays, Credit Suisse, Jp Morgan Chase, Ubs e altre banche hanno tutte mandato i
loro leader supremi a una breve e intensa riunione, nel centro congressi di Davos, dedicata a
cinque punti segnati su una lavagna. L`agenzia Bloomberg ha spiato la lista da una finestra e il
risultato sarebbe stato anche scontato, se solo il peggiore crash degli ultimi 70 anni non fosse
(forse) appena alle nostre spalle. I principali banchieri del mondo hanno parlato delle
conseguenze «non volute» delle nuove regole che li riguardano, di come far soldi in un mondo
di bassi tassi d`interesse, della minaccia dei debiti sovrani e soprattutto di come reagire alla
voglia dei politici di intervenire”.
Traduzione: niente lacci e lacciuoli. Basta con le regole. A Sarkozy, che in pubblico aveva
ricordato il disastro finanziario provocato dalla spregiudicatezza delle grandi banche e l’ondata
di sofferenza, di disoccupazione che ne è derivata (senza contare il peso del salvataggio sulle
spalle dei cittadini) aveva d’altra già chiarito la posizione dei banchieri Jamie Dimora, capo di
Jp Morgan, alzatosi per replicare: “Il problema semmai sta nell’eccesso di vincoli sul sistema
finanziario”.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: