Skip to content

PASSATA LA PAURA, BERLUSCONI STRAPARLA DALLA SUA TV

24 dicembre 2010

Dalla NOTA DEL MATTINO del 22 dicembre 2010

B. ANNUNCIA CENTRALI NUCLEARI MAI ESISTITE, ATTACCA I MAGISTRATI E PUNTA AL NUOVO OBIETTIVO: OTTENERE CHE LA CORTE COSTITUZIONALE NON SMONTI IL LEGITTIMO IMPEDIMENTO CHE LO PROTEGGE DAI PROCESSI PER CORRUZIONE.
Straordinaria performance del presidente del Consiglio ieri sera a Matrix (Canale 5). Mentre il ministro Angelino Alfano spiegava sulla rete tre della Rai (Ballarò) che se la Corte Costituzionale dovesse giudicare incostituzionale le norme sul legittimo impedimento che consentono a Berlusconi di non presentarsi ai processi per corruzione (per gli altri coimputati sono già finiti con regolari condanne), il presidente del Consiglio si presenterebbe regolarmente in tribunale e non accadrebbe nulla, su Canale 5 il premier spiegava che in questo caso andrebbe in piazza e attaccherebbe i pubblici ministeri. E’ l’ennesima pressione sulla Corte Costituzionale (che avrebbe dovuto decidere il 14 dicembre).

...e alle sue spalle si accendono i primi fuochi

Andrebbe in piazza, cioè manderebbe un milione di comparse in piazza. Vedi l’anteprima. [N.d.R.]

Ma questa non è stata l’unica bordata. Rinfrancato dallo scampato pericolo, Berlusconi ha dato sfogo, senza alcun intervento dell’intervistatore, a tutto il solito repertorio, con Casini nella parte del corteggiato, Fini in quella del reprobo, il centrosinistra pronto con i carri armati alle porte di Varsavia, aggiungendo per l’occasione anche l’annuncio di una fantomatica centrale nucleare praticamente già fatta in Italia, ma bloccata dalla sinistra. Purtroppo non c’è niente da ridere: è un leader che ha fallito nell’affrontare i problemi del paese, ma è ancora potente e al suo posto. Come ha avvertito più volte il segretario del Partito Democratico, Pier Luigi Bersani, il secondo tempo del berlusconismo può essere una stagione pesante e drammatica.
FINI E CASINI PRENDONO TEMPO. BOSSI VUOLE IL VOTO.
In attesa di capire che cosa accadrà a gennaio, dopo il pronunciamento della Corte Costituzionale, Fini e Casini stanno prendendo tempo, rimanendo lontani dalle sirene berlusconiane, ma evitando lo scontro diretto con il centrodestra in questo momento. La Lega Nord invece vuole andare dritta al voto, in primavera.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: