Skip to content

La maggioranza boicotta le commissioni non-consigliari

22 settembre 2010

Riportiamo un articolo di Luca Gariboldi (Sinistra Ecologia e Libertà) pubblicato sul suo blog Siate la maggioranza!
Si tratta di una lettura per certi versi deprimente, ma estremamente istruttiva e significativa dello scarso senso civico e morale della maggioranza di centro-destra che governa Trezzano.

Ieri sera ho visto dei piccoli dinosauri iniziare a essere ingoiati dalla pece creata dai loro predecessori.
Mi è parso per un attimo di assistere all’inizio di un processo di logoramento, abbandonato dopo pochi attimi per un più realistico esempio di contagio che porterà alla continuazione e alla proliferazione del germe della cattiva, bassa, becera e abbietta politica.

Meglio ricapitolare gli avvenimenti.
Il 20 Settembre erano state convocate le commissioni giovani, expo e gemellaggio con all’ordine del giorno l’elezione dei vari presidenti e vice presidenti
Tutte e tre hanno avuto la medesima sorte, quindi io mi occuperò nello specifico di quella giovani che mi vede tra le file dei membri non consiliari.

Convocazione alle 20, arrivo puntuale e trovo capannelli di vari personaggi della maggioranza a confabulare tra loro. Russomanno (PdL) in un angolo che osserva, Sciunbata (PdL) che parla con i suoi, Carbone (Lega Nord) che quasi picchetta l’entrata. I tre sembrano evitarsi.
Alzo un sopracciglio ma ricordando che sono a Trezzano, bene o male registro tutto in “normalità” e mi avvio verso la saletta adibita alle commissioni.
Vengo però in contatto con Sciumbata (Figlio)che dopo un amichevole scambio di battute mi avverte che questa sera le commissioni non si faranno.
Un poco perplesso, borbotto un «sarà» e continuo verso il cancello.
Vengo quindi in contatto con Carbone che, tenendo sotto braccio il “giovane” Pinna, mi ribadisce l’inutilità di entrare nella saletta.
A questo punto rimango un poco interdetto, ma continuo il percorso fino a entrare e trovarmi dinnanzi il nostro buon Sindaco.
Chiedo delle sorti della commissione ed egli mi assicura che a breve provvederà all’appello, chiedendomi quindi di andare a chiamare chi deve partecipare.
Perplesso dato che quello non sarebbe certo mio compito, scendo nuovamente le scale e ad alta voce riferisco di entrare per poter iniziare con i lavori.
Qualche risatina e solo Beatrice Ventacoli (Trezzano Oltre) mi segue, un poco titubante a causa dell’atteggiamento di tutti gli astanti.
A questo punto, con soli due presenti, la commissione non può partire a causa della mancanza del numero legale e quando Beatrice fa notare che tale numero si potrebbe tranquillamente raggiungere se quelli fuori entrassero, viene candidamente risposto da parte dell’incolpevole Sindaco che a contare sono solo i presenti in questa sala.

Morale:
Riunione aggiornata, probabilmente a settimana prossima, e io che me ne vado incavolato come poche volte.

Questa è l’esposizione dei fatti, ora le mie considerazioni
Quello che è successo ieri sera mi ha davvero mortificato e le considerazioni che mi viene naturale esprimere sono principalmente tre:

Questa è la maggioranza che governa Trezzano e che rispecchia in modo fantastico la situazione in cui versa il governo nazionale.
Essi sono stati costretti a boicottare le riunioni da loro stessi convocate a causa della mancanza di dialogo e delle pretese dei vari Satrapi, pretendenti un qualche titolo per i loro fedeli sottoposti.
Solamente prendere in considerazione questo metodo di spartizione che nulla ha a che vedere con il merito dei singoli lascia l’amaro in bocca, ma pensare che non si giunga a una conclusione e che siano costretti a rimandare il tutto non può che stupire.
Com’è possibile essere ben amministrati da una maggioranza divisa in fazioni e ras di quartiere che non si parlano se non in luoghi istituzionali? Se questi evidenti problemi di dialogo e di convivenza sono emersi per le presidenze di commissioni minori, che stagione di governo ci aspetta?
Io prevedo una notte molto buia in cui i pochi membri dell’amministrazione che realmente pensano al bene del paese saranno bloccati dalla maggioranza troppo occupata a spartirsi le fette rimaste. E’ un atteggiamento che non può essere accetto, anche per l’infantilità del non parlarsi se non a giochi compiuti o nei luoghi di riunione.
Una normale alleanza avrebbe parlato qualche giorno prima e sarebbe arrivata al giorno delle commissioni con idee ben chiare in mente.
Questo vorrebbe la logica, questo vorrebbe la normalità.
Ormai è sempre più palese che logica e normalità, insieme al lavorare per il bene comune, si stiano pian piano allontanando da Trezzano.

Il secondo punto riguarda come le colpe dei padri stiano chiaramente ricadendo sui figli.
Non intendo ovviamente padri biologici, ma genitori gerarchici all’interno dei vari partiti.
Vedere come i vari ragazzi più o meno giovani siano stati bloccati mi pone in un profondo stato di tristezza, perché vedo in loro la rassegnazione a una politica fatta di litigi, mezzucci, rivendicazioni e ripicche. La vecchia generazione sta istruendo la nuova a sua immagine e somiglianza, un ritratto della vecchia politica che dalla prima repubblica ha preso in prestito solo i lati negativi e su di essi si è aggiornata.
Non ho visto, negli occhi i chi è stato bloccato, una indignazione, un minimo tentativo di andare contro gli ordini dei Satrapi, un qualunque segnale che giustifichi una sacrosanta esuberanza.
Nulla, solo rassegnazione verso una politica il più lontano possibile da quello che dovrebbe essere.
Ho visto i sorrisi tronfi di chi comanda e il capo chino di chi esegue, e tutto questo nella prospettiva di piccole commissioni.
Pensare che lo stesso accade anche nei livelli più alti è davvero scoraggiante, verrebbe voglia di prendere per le spalle i comandati e scrollarli sperando che si sveglino, che provino a ritornare nei binari della buona politica, che abbiano un moto d’orgoglio o che almeno, come ogni figlio normale, dubitino e vadano un poco contro a quello che i padri impongono.
Ma non ho visto nulla di tutto ciò, e questo mi pone profonda tristezza.

Se i primi due punti riguardavano il danno, il terzo parla della beffa.
Certamente è grave quello che è successo, ma brucia molto anche le modalità con cui il tutto è stato attuato.
Se litigi e le meschinità interne che hanno portato alla decisione di non far partite le commissioni sono da inserire nella cattiva politica, la decisione di fare il tutto dinnanzi alla sala commissioni per farsi ben vedere presenti fisicamente all’esterno rientra in una totale mancanza di moralità.
E’ una chiara presa in giro e un abbandono del rispetto verso ciò che le istituzioni rappresentano.
Con che coraggio farsi vedere lì davanti? Con che faccia d’ano ridere e scherzare, arrivare addirittura a stazionare davanti al cancello!
E’ un profondissimo buco nella moralità di quelle persone, un volere dimostrare la loro forza, un porsi al di sopra delle decisioni comuni per far valere la potenza del singolo.
«Io sono qui, sono presente ma non entro. Io posso e così facendo sono io a far saltare la commissione»
In tale presa di posizione risiede la sicurezza di rimanere impunito, il sapere che nemmeno un moto di biasimo arriverà dall’interno del partito stesso. Atteggiamenti simili dovrebbero essere sanzionati e non accettati con un sorriso e una battuta.
E’ un vuoto totale e completo di rispetto e una mancanza di etica politica. Una strafottenza tale che, per chi ragiona un minimo, può far capire quanto siano piccoli e meschini gli uomini che si vedono costretti a utilizzarla per far valere il proprio status partitico.

Questo è ciò che è successo, questo è il motivo per cui i trezzanesi non votano e per cui pensano che i politici siano tutti delle pessime persone.
Credo davvero che sia fondamentale non fare di tutta l’erba un fascio, ma in questo caso gli steli sono davvero tanti, con radici profonde e ben piantate.
Sarà davvero dura tentare di sradicarli.

Luca Gariboldi

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: